Per sempre
(per la versione "sensoriale" premi qui)

 

 


Do a te l'amore,

l'anima stanca,

il cuore;

ma questa macchia di sole

acre, dura,

quest'unzione amata,

bestemmiata,

segno del Cristo in me,

che non volevo,

la stringo e la consumo

sulla fronte:

è la mia piaga,

la spirocheta sacra

che m'impedisce libertà,

festa, perdono.

Marcisce nel suo grembo

il povero mio cranio.

Vecchio sono da sempre.


Mio padre era più giovane di me,

quando morì nel letto

rantolando in silenzio

come un antico santo

già beato.



Ne assunsi le parvenze,

non la fede, la forza

e la fatica.

Per te solo posso ingaggiare

quest'ultima partita

in cui Cristo,

prima di vincere e bruciare,

è chiamato a scendere,

giocare.

 

 

 

 

Poesia di TESTORI GIOVANNI (1923-1993)

 

 

 


Copyright - Blulight gallery (Galleria d'arte virtuale) - All rights reserved - ver. 1.4 - www.blulight.it - info@blulight.it