ART UNITES THE PEOPLES OF THE EARTH

ALTAIR - BRUCO

ROBERTO MANGOSI

Tavole originali favola "Bruco".

 

ISCRIVITI A BLULIGHT YOUTUBE!

 

 

Amo scrivere favole

perché fanno bene al cuore.

.......

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il sole, sbirciando impetuoso

dall'alto del cielo,

 risvegliò ogni respiro in terra

seminando

lucciole nel mondo intero.

 Nella parte più celata della crosta terrestre,

dove il sole stentava ad arrivare,

un giovane bruco poltriva e sognava.

Gocce di rugiada, scivolando

 dai rami delle piante più alte,

ballarono raggianti

rincorrendo ombre tra i giochi di luce.

 Traspariva sfumature multicolori

miscelando desideri e passioni,

dove bianche nuvole si incipriavano il naso,

 mentre astuti lampi celavano tuoni terrificanti.

Un raggio di luce,

il più intraprendente,

strisciando attraverso una crepa del terreno

 sfiorò il piccolo bruco che nel risveglio sbadigliò.

Bruco volse il pensiero al sole

nel buon giorno del mattino,

 mentre già presagiva un fremito sulla pelle.

Nel cielo una nuvola di moscerini

si radunò in fretta per osservare

di quale magia si stesse recitando.

Bruco non si impressionò: assestò il vestito,

colse l'espressione più seria di cui era capace,

e timidamente mosse un passo di danza

roteando un poco.

D'incanto, ad ogni giravolta,

 il fragile strato di pelle di cui era ricoperto

si staccò mostrando al di sotto un'impalpabile

e luccicante stola di seta.

Prima si materializzò

una pupilla finemente intarsiata

sull'ala sinistra, poi su quella destra

un mosaico multicolore, ed infine

fu avvolto di magia

nella polvere più impalpabile che ci sia.

Bruco si guardò con soddisfazione,

 mosse con grazia le sue nuove ali,

 strizzò l'occhio al buon Dio

 che dal cielo l'ammirava

e sorridendo orgoglioso volò via,

la più bella farfalla che ci sia.

 

 

 

***